Notizie 

San Lazzaro in una pubblicazione di Battei

Inserito il 01 ottobre 2005 alle 00:22:00 da berni. IT - Archivi
Articolo GAZZETTA DI PARMA
San Lazzaro in una pubblicazione di Battei fu comune per 73 anni.
«Un contributo al consolidarsi del senso di appartenenza ad una comunità che ha proprie caratteristiche nello stesso tempo locali e universali». Questo è il significato del volume intitolato «Storia del Comune di San Lazzaro Parmense». Frutto della collaborazione tra l'istituto scolastico «Albertelli-Newton» e la casa editrice Luigi Battei, la pubblicazione raccoglie i risultati di dodici laboratori di ricerca storica. L'indagine, che nasce dalla curiosità per edifici e monumenti che quotidianamente sono visti o addirittura frequentati senza che si conosca il loro significato storico, ha il duplice tentativo di ricostruire la storia di San Lazzaro, prima come insediamento e poi come Comune, e di individuare i suoi eventuali intrecci con la «Storia Alta», come sottolinea, nell'introduzione stessa al volume, Danilo Amadei.
Il lavoro è stato condotto sia su documenti storici spesso inediti, reperiti in biblioteche e archivi, sia intervistando i testimoni della storia recente.
La ricerca, pur mantenendo volutamente un linguaggio semplice e diretto, offre, nondimeno, una considerevole mole di materiali e informazioni su un territorio e un periodo che non è mai stato studiato sinora in modo continuativo ed esaustivo. In questo contesto, alla casa editrice Battei va il merito di avere permesso che questa ingente, quanto variegata, serie di dati raccolti in forma di schede di laboratorio abbia acquisito alla fine la forma e la «dignità» di un vero e proprio libro di storia. Il volume è inoltre corredato da un ricco apparato iconografico.

I titoli dei capitoli del volume rimandano direttamente alle schede monografiche, il taglio è diacronico e il ritmo narrativo scandito dalle grandi emergenze monumentali del territorio di San Lazzaro. Si parte quindi dal Lazzaretto, chiamato oggi impropriamente «Rocca di San Lazzaro», posto sulla via Emilia est a pochi chilometri dalla città, e risalente addirittura al XII secolo. Nella stessa zona due xenodochi, ospizi per i pellegrini, e un altro ospedale sembrano suggerire non solo che la storia di San Lazzaro ha le sue radici molto indietro nel tempo, nel Medioevo, ma anche e soprattutto che l'insediamento ha sempre avuto sin dalle sue origini strettamente a che vedere con l'impegno umanitario nei confronti dei poveri e degli ammalati. Non a caso, lo stemma del Comune di San Lazzaro, fondato nel 1870 e soppresso nel 1943, presenta due mani che si stringono: esse non simboleggiano forse soltanto la fusione dei due antichi Comuni di San Donato e Marore, ma anche «una delle caratteristiche del nostro quartiere: quella della solidarietà, dell'accoglienza e dell'attenzione verso chi ha più bisogno». Lo testimoniano oggi anche tutte le comunità e le cooperative di assistenza sociale presenti nella zona di San Lazzaro: la comunità «Betania» di Marore; la cooperativa «La bula»; la comunità «Il portico»; «Il pozzo di Sicar».

Un importante capitolo del volume è dedicato alla più significativa emergenza monumentale della zona di San Lazzaro, vale a dire la Certosa di San Girolamo, fondata nel 1285 dal vescovo parmigiano Rolando Taverna. Si scopre leggendo questo capitolo che nel 1477 si trova proprio nella Certosa una delle prime stamperie dell'Italia settentrionale, dove opera lo stampatore Antonio Zarotto, a cui è intitolata la via omonima. Soppressa nel 1769, la Certosa diviene tra il 1805 e il 1891 la più importante fabbrica di tabacchi dell'Italia settentrionale, e poi tra il 1900 e il 1975 viene adibita a riformatorio. Oggi, come è ben noto, l'antica abbazia è sede di una scuola di formazione della polizia penitenziaria.

Non solo i monumenti storici ma anche le caratteristiche topografiche e geo-morfologiche del territorio di San Lazzaro sono state oggetto della ricerca: si legge allora che l'attuale quartiere di Parma chiamato «Lubiana-San Lazzaro» tra il 1870 e il 1943 era un Comune, frutto della fusione di due Comuni preesistenti, San Donato e Marore. Questo Comune si estendeva su un territorio segnato da un duplice confine d'acqua, ossia la sponda sinistra del fiume Enza, ad est, e la sponda destra del torrente Parma, ad ovest. Accanto alle industrie alimentari come la Rizzoli Emanuelli o la Greci, il Comune di San Lazzaro annovera nel secolo scorso una notevole quantità di mulini, e soprattutto una significativa concentrazione di cartiere. Nel 1910 sono 4, sulle 5 totali della provincia: tra queste, la cartiera del cavalier Luigi Battei, fondatore dell'omonima casa editrice, che aveva già un'avviata industria con innovativi reparti di litografia e fotomeccanica. Dal punto di vista topografico, la presenza della via Emilia sancisce sin dall'epoca romana la posizione privilegiata in cui sorge l'insediamento di San Lazzaro. L'arco di trionfo costruito su questa strada proprio in località San Lazzaro nel 1628, in occasione del matrimonio tra Odoardo Farnese e Margherita de' Medici, conferma l'importanza attribuita dall'amministrazione ducale al futuro Comune.

I dati storici raccolti nel volume di Battei sono infine sempre interpretati e utilizzati come spunto per riflessioni e raffronti con la storia del presente.
Alessandra Rodolfi - La Gazzetta di Parma

Cerca

I preferiti

Software per Archivi Liberi (2616)
Archivio Bergamasco (2613)
Sito dell'Unesco per CDS-ISIS (2539)
Biblioteca Università di Brescia (2538)
La storia dell'ISMES (2527)
CDS/ISIS Doc. biblioteche-archivi (2524)
Bergamo Archivi (2518)
Sviluppo Italia (2516)
Clipstream Video tools (2514)
Vacanze sul Lago d'Iseo (2512)
Conegliano: convento S.Francesco (2512)
Biblioteca Fondazione ENI Enrico Mattei (2512)
Fonti per la storia di Belgioioso (2508)
Documenti giuridici sul web (2508)
Arte e colore per dipingere la vita (2507)
Aste giudiziarie (2507)
Software EasyWeb (2504)
Braidense: emeroteca (2501)
Ricerca libri antichi (2501)
Banca dati del POF scuola (2496)
MetaMag per archivi (2496)
Ismu (2493)
Progetto E-LIS di archivi-biblioteche (2455)
Progetto Archivi della Lombardia (1728)
Il Medioevo europeo di Le Goff a Parma (1687)
Archivio Notizie (1637)
Archivio Storico di Alzano Lombardo (BG) (1545)
Il Ceppo di Gre' (1408)
Adozioni a distanza in Malawi (1382)
Marmi Cantamessa SpA (1304)
Servizi per la Scuola (1291)
Progetti didattici europei (1234)
Archivi liberi - Open Archives (1229)
Associazione MAP (1227)
Tavernola e la Grande Guerra (1227)
Comune di Firenze (1209)
La cultura in Europa (1186)
ANUSCA (1182)
Diritto e Informatica (1141)
Sistema Archivistico Nazionale (1132)
Open Archives - Blog (1127)
Archivi italiani in rete (1123)
Per istituire il Parco del Sebino (1117)
Libri, dischi e video su Internet (1097)
Leggi e internet (1093)
Libreria virtuale di introvabili (1063)
Visual Basic per la scuola (1063)
Giustizia on line (1057)
E-learnig nella scuola (1057)
Portale Oracle per la scuola (1051)
Smater, industria di stampaggio materie plastiche (1034)
Case in affitto sul Sebino (1034)
Presidenza italiana UE (1017)
Enciclopedia Multimediale Scienze filosofiche (997)
Studio musicale 468Recording (967)
Segretario Comunale (908)
Nuovo standard Mag (850)
QR Code (842)
Sito multimediale per la scuola (834)
Massimario di scarto per i Comuni (765)
Dizionario di poesia di M.Cucchi (760)
OpenDocument (746)
Libera rivista "IL COVILE" (727)
Catalogo Biblioteca Naz. Firenze (715)
Bando archivi 2006 Regione Lombardia (705)
S H O A H (576)
Iconologia del Ripa (566)
Pergamene archivio capitolare di Bergamo, 740-1100 (543)
Codice diplomatico della Lombardia medievale (514)
Catalogo di periodici (494)
Fondazione Feltrinelli (482)
Cerca in periodici Associazione ESSPE (402)
Notizie Archivi (11)
Parco del SEBINO (5)
Libri delle biblioteche pubbliche (0)
bottom